Il progetto “SOS: Sviluppo Orti Sociali nell’area Lagonegrese-Pollino” nasce come percorso di formazione di 14 soggetti diversamente abili, per conseguire il titolo di “Operatore Agricolo”. Il progetto consiste nella realizzazione di un laboratorio dedicato ad attività di tutela e salvaguardia del territorio, di produzione e commercializzazione di prodotti agricoli di qualità e di pratiche di inclusione sociale, coniugando la produzione sostenibile di beni e la promozione di azioni terapeutiche, educative, ricreative, culturali e sociali. Questo modello di inclusione e coesione sociale si concretizza attraverso risultati tangibili: la creazione di una Cooperativa Sociale di tipo A e B e la “Start up” di una Fattoria Sociale multi servizio, la “MASSERIA MELODORO” con la realizzazione di un giardino-orto sociale polifunzionale per la produzione e la vendita di prodotti agricoli e per finalità didattiche e ricreative.

La Cooperativa Sociale diventa così uno strumento di inclusione sociale, creando legami sul territorio e intrecciando una fitta rete di relazioni, anche con gli stakeholder del posto, dando nuova visibilità e ruolo alle attività agricole, sia per la produzione di cibo che per l’erogazione di servizi per soggetti svantaggiati e per la collettività. Le attività della Masseria Melodoro portano inoltre ad una crescita dell’economia locale, sempre in un’ottica di sostenibilità e sviluppo territoriale.

Numerosi, quindi, i beneficiari del progetto, partendo dai soggetti con disabilità psicofisiche o sociali, direttamente coinvolti, che hanno l’opportunità di migliorare le loro possibilità di inserimento sociale e lavorativo, raggiungendo sia un’autosufficienza economica che una maggiore autostima e un maggiore benessere personale.  I benefici riguardano anche gli stessi familiari dei soggetti diversamente abili, che possono riscontrare un miglioramento della qualità della vita grazie alle attività che coinvolgono i ragazzi; gli educatori, i tutors, gli altri partner della cooperativa, gli studenti coinvolti nel progetto attraverso una stretta collaborazione con alcuni Istituti Superiori, gli imprenditori del sistema turistico e del settore zootecnico, che possono beneficiare della possibilità di crescita a livello occupazionale, di reddito, di visibilità e di esperienza professionale. Non ultimi il Comune di Nemoli, le Associazioni Socio-Sanitarie del territorio e tutti i cittadini coinvolti attivamente nel progetto, in un clima di partecipazione, solidarietà e socializzazione, utile a tutte le generazioni.

La rete costruita tra tutti questi attori porta ad un maggiore coinvolgimento del settore pubblico e privato, una minore emarginazione e una maggiore coesione sociale, con un’auspicabile riduzione del divario economico e sociale delle zone rurali. Le aziende agricole potranno avere in futuro la possibilità di realizzare partnership e aderire a Consorzi, con una conseguente maggiore visibilità dei prodotti e dell’intera area di produzione.

La “storia” di Masseria Melodoro è fatta di tanti piccoli, importanti passi, che hanno portato al raggiungimento più che soddisfacente degli obiettivi del progetto: si è partiti a dicembre 2015 con la scelta dell’area da utilizzare per il progetto e la valutazione degli interventi necessari per l’esecuzione dei lavori di messa in coltura. E’ partito poi il percorso di formazione/lavoro e le attività educative terapeutiche. E’ stato costruito un network di attori del territorio, attraverso la realizzazione di incontri con i vari stakeholder.

Il 27 aprile 2017 si è costituita la Cooperativa Sociale e MASSERIA MELODORO è diventata ufficialmente realtà.

Questa storia e tutte le informazioni sulla Cooperativa e sulle attività svolte dall’Orto e dalla Fattoria Sociale sono raccontate nel sito, divertente e interessante, di Masseria Melodoro: www.masseriamelodoro.com

Goals SDGs
Stato Progetto

 concluso

Sito web
Approfondimenti
Promotori
Partner
Responsabile
Cristiano Re

Coordinatore Progetti Territorio

FEEM – Fondazione Eni Enrico Mattei